martedì 26 novembre 2013

A proposito di Viola...una sorpresa!


Gessica , la mia preziosa amica e "insegnante letteraria", ha voluto fare una sorpresa a me e Viola e ha parlato di lei sul sito meloleggo.it.
La condivido con voi sperando che vi metta di buon umore...con questo gelo scandinavo abbiamo più bisogno che mai di sorridere un po' :)


http://www.meloleggo.it/recensione-viola-vertigini-e-vaniglia-di-monica-coppola_680/



Mi consigli un libro che metta il buon umore? Ho un’amica in crisi e vorrei aiutarla a tirarsi su…” 
Forse è un periodo in cui le amiche sono in crisi, ultimamente mi sento fare spesso questa domanda. E in effetti sì, ho un consiglio di lettura che va in questa direzione.
Il libro si intitola Viola, Vertigini e Vaniglia, ed è il romanzo di esordio di Monica Coppola.
La protagonista è Viola, una ragazza sulla trentina che abita nella provincia piemontese.
La sua vita è in fermento: una casa nuova tutta per sé, il ritorno della migliore amica da New York e l’incontro con Tancredi, editor misterioso che vuole coinvolgerla in un progetto pilota.
Fino a questo momento la vita di Viola non è stata un vero successo: un lavoro al call center, l’impertinenza di una raffinatissima cugina archistar, una serie di zie petulanti e una madre perfezionista e intransigente.
Ma ora Viola è decisa a farcela. Decide di lasciarsi alle spalle la frangetta spettinata, le all star fuxia e una serie di aperitivi sul piumone a base di patatine. Trasforma abitudini e look per dimostrare a tutti “di che pasta è fatta”: extension, dieta, vestiti eleganti, serietà, appuntamenti al buio e biancheria sexy.
Solo che le cose non vanno esattamente come previsto e proprio mentre Viola sta per sprofondare nel “pessimismo cosmico” ecco che tutti intorno a lei iniziano a comportarsi in modo strano. 
E se poi ci si mette anche l’allergia alla vaniglia, qualche cocktail e bugia di troppo, ecco che le cose si complicano ulteriormente.
Ma una pausa in montagna tra le braccia della zia Dalia, di Alex (un ragazzo conosciuto in mezzo alla neve) e una quantità di torte e cioccolate calde, ecco che Viola ritrova energia, se stessa, e capisce come  mettere ordine nella sua vita.
Insomma, questo romanzo fa venire il buon umore. Viola è capace di mangiare funghetti al cioccolato a un colloquio di lavoro, raccontare storie su un tacchino, sottrarre ciambelle a una vecchietta, portare felpe di Snoopy come stivaletti tacco 12.
E poi c’è la sua amica Emma che per soffocare una delusione amorosa si dedica alla movida. Insieme vanno ai concerti di Ligabue e mangiano bomboloni caldi a colazione. Ce la mettono tutta per essere felici.
È un libro per tirarsi su il morale.
Gessica Franco Carlevero

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/