martedì 29 novembre 2016

Viola, il Codice Morso e l'allegro chirurgo: ovvero se scambi la colite con le vertigini.



Che la mia pancia vivesse di vita propria l’ho capito molto presto.
Quando alle elementari facevamo la gara di verbi ad esempio. Tremavo nel banco, dita incrociate dietro la schiena, sperando in futuro semplice o imperfetto. Ma più nel primo.
intanto lei, puff, puff si gonfiava come un palloncino.
Io non volavo però. Anzi, quasi appassivo su me stessa, piegata in due sotto la morsa di quei pugni invisibili.
«Mi fa male la pancia», dicevo rientrando a casa, e subito mia madre mi trascinava dal pediatra, un omone grosso e grigio, che me lo faceva venire ancora di più.
Quando parlava emetteva parole filamentose, legate l’una all’altra da un filo sottile e biancastro.
I miei occhi si inchiodavano sfacciati a quella bocca, proiettata in 3D nella mia mente, con un irresistibile effetto splatter da cui non riuscivo a staccarmi.
Di solito ci riuscivo solo quando mi arrivava in gola quel coso simile allo stecco del gelato, a cui faceva seguito un flash nelle pupille.
Ogni tanto mi chiedeva di tossire a comando, un dischetto di acciaio freddo sgusciava sotto la canottiera arrotolata.
Se ero abbastanza brava mi rispediva a casa con una caramella tonda allo zucchero. Talmente dura da spaccarsi denti da latte e non.
Visto che quei pellegrinaggi da Doctor Patina non servivano gran che, mia madre optò per una soluzione più drastica: le visite specialistiche dall’Allegro Chirurgo.

 continua  sul Diario di Adamo

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/