domenica 7 giugno 2015

Una nuova "dolce" recensione per Viola - Da "I love wropping"





I want candy! Viola, Vertigini e Vaniglia di Monica Coppola

Una persona molto saggia amava ripetermi che “non tutte le ciambelle riescono col buco”, ma questa cosa mica mi convinceva tanto: io le ciambelle le volevo tutte uguali, tutte con lo stesso grado di cottura e la doratura un po’ bisunta in egual misura, tutte con la medesima spolverata di zucchero a velo e, soprattutto, con un foro perfettamente tondo al centro. Altro che Giotto.
Con il passare del tempo, oltre le strade biforcate, la mia estetica della ciambella si è stemperata nel burro della frolla e nella sofficità della pasta choux, ha cozzato contro una barriera di meringhe e di sfoglie croccanti e si è squagliata a bagnomaria insieme al cioccolato fondente. Tra un blackout qua e là, una crema pasticcera che impazzisce, un frigo che protesta a voce alta alle tre di notte, qualche scottatura e un impasto poco omogeneo, il libro di cucina si è aggiornato progressivamente, le sue pagine si sono riempite di piatti testati e rielaborati, e il segnalibro si è fermato alla ricetta del cuore… Una ricetta che magari non sarà perfetta (forse verrebbe cestinata all’istante da Gordon Ramsay), ma che ogni volta induce le papille gustative a cantare e porta in visibilio le sinapsi.
Il colpo di mattarello finale – in senso buono! – me lo ha assestato Viola, vertigini e vaniglia di Monica Coppola, edito da Booksalad, un’altra sfavillante scoperta del #SalTo15. Viola Preziosi non ha una cascata di boccoli fulvi né un fascino da gatta (a differenza della sua migliore amica Emma), non è una Archistar (al contrario della cugina Matilde) e non ha ancora viaggiato per il mondo (la zia Dalia, invece…), ma indossa una felpa dei Peanuts e le Converse, si lascia invischiare in appuntamenti al buio da manuale, è allergica alla vaniglia, ha un nugolo di zie “floreali” che celebrano il Marmellata Day, fa un lavoro tappabuchi in attesa che il sogno di vivere della propria penna si realizzi e scambia totani per tacchini (dite che l’espressione idiomatica era un po’ diversa? Leggete un po’ il romanzo!)… Proprio come tanti suoi lettori.
Con le dovute variazioni sul tema, s’intende: la sottoscritta, per esempio, si trasforma nella copia esatta di Sloth dei Goonies in presenza dell’Aspirina (e il primo episodio si è verificato davanti all’intera famiglia del ragazzo che è poi diventato mio marito) ed è stata amorevolmente allevata a pane e panelle, pasta al forno, grigliate, zuppa di cozze, cannoli lunghi quanto la Manica e arancini della circonferenza di un pallone da basket.
 Insomma, Viola è un’adorabile crisalide (ma secondo voi se ne starà cheta cheta nel suo bozzolo-piumone?), una potenziale bomba a orologeria carica di immagini, parole e racconti, un astro in procinto di esplodere e ballare sul mondo sulle note del Liga… Ma per generare una stella danzante ci vuole il caos. E magari un pizzaboy, una vicina di casa color cachi, un cake designer e un enigmatico editor che sa di bucato e di promesse. E, perché no?, un pizzico di movida, due sorsi di Bacardi, biscotti sghembi, torte Sacher e una voglia di volare mascherata da vertigine.
La nostra eroina impara a credere nel “Ritenta, sarai più fortunata”: rischia, si inebria, inciampa, chiede scusa e inforna un nuovo esperimento culinario ed esistenziale, con pazienza, vitalità e una compagnia di amici e parenti più ignifuga di qualsiasi presina.Oggi, se fosse possibile, vorrei rivelare a quel saggio che aveva ragione, che finalmente ho compreso il senso: anche se si è fatti di “un’altra pasta”, se nel composto scappa un frammento di guscio d’uovo e si forma qualche grumo, se si sgarrano le dosi, i tempi di lievitazione o entrambi, le ciambelle saranno buone lo stesso, purché non si dimentichi l’ingrediente fondamentale… essere se stessi, a prescindere dall’opinione, dalla moda o che so io.
E se la ciambella dovesse riuscire senza buco… otterremmo comunque un delizioso bombolone!


Un grazie particolare a Francesca per questa sua dolcissima e golosa recensione! :)

4 commenti:

  1. Oltre ad essermi venuta fame di ciambelle, il mio stomaco brontola e non vedo l'ora di divorare Viola! Complimenti originalissima.

    RispondiElimina
  2. Oltre ad essermi venuta voglia di ciambelle, il mio stomaco brontola e non vede l'ora di divorare Viola! Recensione originalissima.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille! <3 Monica ha una penna dolcissima e frizzante e il suo romanzo... è tutto da gustare, la recensione è sorta spontanea! ^^

    RispondiElimina

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/