sabato 3 maggio 2014

Ritratto di Emma Bovary




E dopo una lunga e pigra assenza da questo blog ecco il mio contributo al 4writers4blog per la sezione ritratti.

La tiepida monotonia di alcune giornate piovose mi ha ricordato l'esistenza annoiata e il bel profilo di Emma Bovary e così ho deciso di rileggere il romanzo...
Quello che segue il breve affresco, l'impronta emozionale che lei mi ha lasciato quando ho richiuso il libro, con un nodo in gola e i kleenex accanto al comodino...


 “La sua vita era fredda come una soffitta che ha il finestrino volto al nord, e la noia, come un ragno silenzioso, filava la sua tela nell’ombra in ogni angolo del suo cuore”.

Emma affondò il pettine tra la massa setosa dei capelli bruni, scuri come quell’ombra che si attorcigliava intorno alla sua vitalità, e spalancò la finestra per non soffocare nell’incedere lento delle sue giornate.
Alzava gli occhi neri verso le nuvole dense che, irrequiete, si ammassavano nel cielo sballottate da aliti di vento.  Sospirava e immaginava la vita che avrebbe voluto per sé:  distese di tappeti morbidi dalle frange dorate, saloni tappezzati di specchi su cui si riflettevano le variopinte esistenze di marchesi e duchesse.
Lei, invece, come una spettatrice immobile era destinata a scorgere solo i bagliori opachi di quel mondo sublime che le sfuggiva come sabbia tra le dita sottili.
Sommersa da un’asfissiante monotonia Emma rievocava frammenti di ricordi lontani che, come valzer lenti, fluttuavano nella sua mente tormentandole l’anima.
E allora provava a ravvivare i colori sbiaditi della sua realtà sistemando vasi di vetro azzurro e scatole d’avorio sul camino o si cospargeva di acqua di Colonia per allontanare quell’ effluvio di pungente mediocrità che, vischioso, le restava impresso nell’anima e sulla pelle.
Aveva modi cortesi e gentili come il suo aspetto, ma dentro esplodeva come un vulcano iracondo che riversava lava inzuppata di bramosia, rabbia, odio.
Era invasa da un freddo che non le dava tregua perché sapeva che il suo dolore non sarebbe mai finito.
Provava a combatterlo rannicchiandosi accanto al fuoco: cercava tra il crepitio delle fiamme una luce calda che potesse ridestare quella vita che sembrava passarle accanto sfiorandola appena, come se attraversasse l’esistenza senza viverla davvero.
E ad un tratto quella fiammella si accese ed accadde qualcosa che la sorprese e la invase: Emma si sentì rianimata e mentre si perdeva tra le braccia del suo amante pensava che avrebbe finalmente posseduto quelle gioie dell’amore, quella febbre di felicità di cui aveva disperato. Entrava in qualche cosa di meraviglioso , dove tutto sarebbe stato passione, estasi, delirio (…) l’esistenza comune le appariva ormai lontana, in basso, nell’ombra…”
La sua illusione fu breve come un lampo e la realtà la risvegliò con la durezza d’un nocciolo di albicocca: il fiele delle menzogne le esplose tra le labbra rivelando il sapore aspro di un sentimento in cui aveva creduto lei soltanto.
Quella stessa luce che l’aveva irradiata anche nelle notti più torbide, adesso era scomparsa e non restava che il buio pronto a prenderla per mano per trascinarla in un abisso profondo.
Emma voleva essere libera di scegliere per sé una vita diversa, voleva andare oltre i continui impedimenti, le convenienze, le leggi per opporsi a quel fato capriccioso che le era stato cucito addosso come un abito sbagliato. E se così non poteva essere allora era pronta a sfiorare il profilo del cielo, lasciandosi cadere libera nell’abbraccio dell’aria.
Ma la vita l’agguantò di nuovo, beffarda, perché ancora non era sazia di lei: la circuì con nuovi vagheggiamenti alimentati da speranze di cartapesta.
Perché Emma non poteva essere artefice del suo destino, il suo destino aveva già scelto per lei; e quando lei si ribellava la teneva in pugno abbagliandola con una manciata di fragili illusioni che cadevano come coriandoli sulla sua triste realtà.
E una mattina d’estate, Emma sentì di nuovo il profumo dell’amore e tra le navate di una chiesa la luce filtrò ancora, fino ad illuminarle il cuore pallido che esplose come il sole all’alba.
Le sue resistenze finirono come briciole dicarta stracciata che si dispersero al vento e caddero lontano, come farfalle bianche su un campo di trifoglio rosso tutto in fiore” e si sciolsero dietro le tendine gialle di una carrozza che “più chiusa di una tomba e sballottata come una navevagabondava incessante senza fermarsi mai.
E mentre Emma cedeva arrendevole alla sua straziante felicità, il suo destino bramoso divorava ogni scaglia della sua gioia e diventava una forza potente e avida che le cingeva i fianchi e la spingeva giù, sempre più giù, tra quelle voragini profonde in cui, avvelenata dalla sua stessa fantasia, l’avrebbe lasciata scivolare per sempre…



Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/