martedì 2 maggio 2017

Tempo di Libri e ...di fantasmi!





Cronaca Semi-seria di due "sabaude" in trasferta a Rho-Fiera
di Monica Coppola e Miranda Martino
Vi è mai capitato di sognare un ambiente e poi di descriverlo più o meno così: “ho sognato che ero al Salone del Libro” ma non era proprio uguale...
Da torinesi in trasferta questo paragone è inevitabile perché frequentiamo il Salone da quando è nato. È cresciuto a Torino e noi siamo cresciute con lui. A nulla sono valsi i tentativi di rinominarlo “fiera”. Per i torinesi  è il Salone.  Quest’anno però gli è nato un fratello, Tempo di libri, residente a Milano-Rho. Questa fiera ha visto la luce tra numerose polemiche. Noi ci siamo state sabato 22 aprile e vi raccontiamo cosa ci è piaciuto.
La Fiera all'apparenza sembra identica a quella del capoluogo torinese ma con la variante della moltiplicazione per eccesso.  Gli spazi sono immensi, tanto che si fa fatica ad orientarsi. 
A cominciare dal parcheggio in cui vaghiamo una buona mezz'ora prima di trovare l'entrata.
Le sale delle conferenze che Lingotto contrassegna con i colori qui hanno i caratteri tipografici.
Spiccano i grandi brand, che la manifestazione hanno fortemente voluto, ed abbiamo abbiamo l'impressione di passeggiare nella libreria di un centro commerciale, ma amplificata all'ennesima potenza.
Ma, facendo uno slalom attento tra gli stand dei Colossi, qualche chicca da gustare c'è: come i  Cofaletti, packaging letterari che contengono libri d'autore ispirati a prodotti di massa (dalla pasta al detersivo) l'area relax con materassone, bagni senza code, bar e spazi snack a distesa spazi bimbi a go-go, e padiglioni di show cooking che si alternano agli stand stimolando l'appetito di pancia, forse ancora più che quello intellettuale. Ha un che di familiare sfogliare un libro ed essere avvolti dal profumo di soffritto: noi , da vere donne multitasking, spesso leggiamo davanti ai fornelli.
Il programma di incontri è molto fitto e di tutto rispetto: piatto ricco mi ci ficco, tanto che è difficile scegliere.
Il lato positivo è che puoi vedere i tuoi idoli, in carne e inchiostro, senza le code sfiancanti che spesso demotivano al Salone del Libro. Qui la ressa non c'è. Forse per gli spazi ampi  o forse perché l'affluenza è nettamente minore ma non approfondiamo.
Noi scegliamo l’incontro con Vanna Vinci, presentata da Chiara Valerio, curatrice del programma di TDL . l’occasione è il romanzo illustrato Aida al confine. Scritto e disegnato da Vanna Vinci, la sua prima uscita per Kappa Edizioni  è del 2003 (traduzione franco-belga, Aida à la croisée des chemins, ed. Dargaud, 2008) e nel 2017 torna, arricchito di contenuti inediti, per Bao Publishing. Questo libro si porta egregiamente i suoi 14 anni. Se siamo qui a parlarne, in un mondo editoriale dove i romanzi hanno scadenze più brevi dello yogurt senza conservanti, significa che possiamo considerarlo letteratura resistente.
Da qualche anno in Italia les bande desinées sono considerate con la dignità culturale che meritano. E merita Aida al confine, ambientato a Trieste in una città che appare sospesa. Qui Aida incontrerà i fantasmi dei suoi nonni, che la condurranno attraverso un viaggio nel tempo e nello spazio, dalla Grande Guerra ad oggi. I morti compaiono quando hanno ancora delle faccende da risolvere e per farlo hanno bisogno dei vivi.  Da questa riflessione si diramano citazioni e racconti, come la  Trieste de “Lo stadio di Wimbledon” di Daniele Del Giudice, i rimandi cinematografici (Il sesto senso, The Others) a cui fanno eco  innesti di addetti ai lavori presenti e subito coinvolti da Chiara Valerio: Enrico Terrinoni, traduttore  di “Ulisse” di Joyce (Newton Compton, 2012) e Marcello Fois, autore di noir, che racconta di come con i defunti si possa intrattenere una comunicazione declinata al presente: dei morti non si parla al passato perché sono sempre con noi. Si parla di fantasmi e di ossessioni, letterarie e personali.
Fois ad esempio ci racconta del dialogo immaginario (ma lo sarà stato davvero immaginario poi?) di sua zia con Santa Rita. Dialogo che, quando andava in tilt, procurava un immediato rovesciamento a testa in giù sul comodino del quadretto della santa.
La presentazione ci incolla alla sedia, dall'inizio alla fine, animata dell'eloquio ritmico e coinvolgente di Chiara Valerio come quello di Vanna Vinci.
Passiamo dai fantasmi di carta a quelli personali cullata da una dialettica impeccabile, una grammatica italiana che suona come melodia, da Dracula ai Peanuts, il tutto provando una segreta invidia per la pin con simbolo apotropaico che Vanna Vinci ci mostra orgogliosa sotto la giacca in total black.
Sono le 12.30, fuori impazzano gli showcooking ma dentro la sala Futura l’atmosfera è divertita e sospesa. I posti in prima fila sono vuoti, ma sarà davvero così? Sono forse riservati ai fantasmi? Perché è chiaro che nella sala ci sono presenti e presenze.
L'incontro, da solo, vale interamente il biglietto della fiera (ndr pagato a prezzo pieno perché gli autori non risultano nell'elenco degli accreditati. L'unico modo per avere lo sconto di cinque euro era andare poi allo sportello con i propri testi, stile piazzista a dire qualcosa del tipo "Lei non sa chi sono io" Ma preferiamo di no, ed optiamo per il biglietto on line, a tariffa piena).
Uscite da lì, per non seguire la tentazione di tuffarci dentro uno showcooking , scegliamo di seguire Marcello Fois che al Caffè Garamond passando per il suo  Quasi Grazia di Einaudi ci presenta due nuovi scrittori Italiani Giuliano Tabacco (La Grande Mappa di Transeuropa) e Ida Amlesù (Perdutamente di Nottetempo). Usciamo con un desiderio di iscriverci ad almeno tre corsi di lingua a testa visto che la Amlesù, classe 1990, parla e legge in ben sette lingue diverse.
Finisce che compriamo un tramezzino, ci incantiamo allo stand di Asmodee che non pubblica libri ma giochi innovativi e originali come Dixit, gioco di carte con la narrazione al centro.
Miranda lo ha già io non ancora e allora per essere originale ne compro uno che stimola cervello, riflessi e memoria.
La sera al rientro mia figlia Chiara, classe 2007, mi straccia dieci a uno.
Per vendicarmi chiudo la scatola del gioco e inizio a raccontarle una storia di fantasmi...


Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/