domenica 12 marzo 2017

In principio fu l'arcobaleno: Metamorfosi (a colori) di un Adolescente Geneticamente Modificato




«Voglio i capelli così» la mia primogenita, sedici anni portati in semplicità come il suo castano naturale, mi sbatte sotto il naso una rivista in cui ondeggia uno sfumato balajage arcobaleno.
Un brivido sfreccia lungo la colonna vertebrale, all'apparenza innocuo ma letale come quelli che dai oggi, e dai domani ti entrano nelle ossicine e qualche mese dopo puoi fare i casting per la controfigura a Quasimodo.
Dunque è così che succede?
È questo il primo Instagram che trasformerà la mia bambina in un Adolescente Geneticamente Modificato?
Perché io lo so che sarà cosi. Si inizia con "magari mi faccio due colpi di sole" e da lì alla richiesta delle ali di Arcangelo che spuntano sotto il costato, e Dio solo sa dove vanno a finire, è un attimo.
Mi sembra già di sentire lo schiocco della pallina di acciaio, ma sì, quella che le trapasserà la lingua da parte a parte, che esibirla tutta intera adesso sembra quasi un'offesa.
Per non parlare dei lobi. Sì, quelli in cui fino a qualche giorno prima sonnecchiavano pacifiche ignare e minuscole coccinelle alternate a qualche altro simpatico animaletto.
Spiacenti: permesso di soggiorno scaduto. Rimpatrio forzato nei boschi.
Con nostalgia canaglia del lobo, che rimpiange quei tempi felici, e già trasale al cospetto della materializzazione del suo peggiore incubo: il dilatatore.
Una specie di hula hop che avvinghierà la parte finale dell'orecchio e non la mollerà fino a quando non si sarà allungata e divaricata a dovere. Una tappa imprescindibile della metamorfosi di cui l'AGM va assolutamente fiero.
Il lobo decisamente meno, ma purtroppo non ha voce in capitolo. Come nessun altro del resto, perché l'AGM fa solo quel che gli pare quando gli pare. E se tu obietti ti risponde citando la best hit di Rovazzi. Senza asterischi però.
Che vorresti anche spiegargli che quella cosa lì, di allungarsi i lobi, non è mica una novità.
Che le nonne e bisnonne in tempi non sospetti svenivano trafitte dai pendagli dorati subito dopo il primo vagito. E poi con quei cerchi tintinnanti di oro puro ci crescevano e crescevano anche quelli: più eri benestante e più quelli erano pesanti. Si deduceva che le donne dalle orecchie a cocker se la passassero piuttosto bene. Poi, per fortuna, l'oro giallo è stato sdoganato dal bianco e dai diamanti, che se sono finti o veri se ne accorgono in pochi e quindi con due punti luce alle orecchie la nostra porca figura ce la facciamo tutte.
Ma questa è una storia che all'AGM non interessa affatto.
E forse nemmeno alla mia primogenita, che mi guarda con occhi interrogativi con la rivista in mano in attesa di una risposta.
Guardo con più attenzione la teenager con i capelli arcobaleno e penso che, dopo la carrellata di scenari da incubo in monovisione, non sono poi così male.
Se la mutazione deve iniziare, la scelta dei colori arcobaleno mi sembra la meno peggio.
Sgancio i soldi per il parrucchiere mentre sui lobi spiccano ancora una coppia di minuscoli lepidotteri rosa.
I lobi, sentitamente, ringraziano.

(copyright Monica Coppola - editing Stefania Crepaldi - Grafica Mariateresa di Mise)


Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/