giovedì 8 settembre 2016

Dai un morso a chi vuoi tu - Un assaggio della Torta Magica di Miriam Ghezzi



"Il punto è che nessuno ti insegna a riconoscere il vero amore. Neanche i professori del liceo o dell’università, malgrado si tratti di un argomento molto più interessante delle commedie di Plauto e più utile dei logaritmi. 
Nessuno ti dice cos’è il vero amore, e tanto meno ti insegna a tenertelo stretto, ma dal lato opposto, sembra che quasi tutti abbiano qualcosa da dire sull’argomento.
Da una parte ci sono quelli che vivono nel mondo delle favole
e che sostengono di dover aspettare l’amore a prima vista; poi ci
sono quelli che il partner perfetto lo trovano almeno una volta al
mese, ma lo perdono altrettanto in fretta; e infine ci sono quelli che,
semplicemente, sono certi che la vita di coppia sia più che altro un
sistema fatto di compromessi e che il lieto fine non esista.
La verità? La verità è che il vero amore esiste, eccome: e c’è un solo modo per descriverlo. 
L’amore è una cosa buona. A volte è amaro, a volte brucia come sale su una ferita, a volte è una fresca zaffata di menta in una vita monotona, a volte ti solletica come il pepe sul palato, ma l’amore, il vero amore, è di una dolcezza infinita, che non per forza fa ingrassare, ma che crea dipendenza e assuefazione.
Certo, direte voi, molto carini questi pensieri sui massimi sistemi,
ma nei fatti, come si può essere sicuri di avere dinnanzi a sé la
persona giusta? Non c’è mica una ricetta!
E qui c’è il coup de theatre. La ricetta c’è: l’ha trovata e trascritta nel 1452 la signora Isotta Tornaquinci, che a un certo punto se l’è vista brutta con l’Inquisizione e ha rischiato di essere arsa viva sul rogo..."

Storie d'amore per appetiti formidabili - estratto dal racconto "La torta magica" di Miriam Ghezzi)


Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/