sabato 6 dicembre 2014

S... Cene da Supermarket - 1° parte





Potete essere indifferentemente in fibrillazione per una romantica cenetta, a caccia di frutta e verdura per un weekend salutista o assalite da una voglia spasmodica di insaccati. Qualunque sia il vostro caso, una tappa al supermarket sarà d’obbligo. E allora tenete gli occhi ben aperti perché forse potreste incontrare alcuni di loro…

Il Cavaliere Numerato

Due etti di prosciutto cotto. Devono essere assolutamente, indiscutibilmente, la vostra cena.
Se no la dieta zona sballa tutta e sono cavoli amari. Sono settimane che vi nutrite solo di vegetali ed oggi vi è concesso questo proteico strappo alla regola. Peccato che attorno al banco ci sia una gran ressa: sembra che gli estimatori degli insaccati abbiano avuto tutti la stessa idea nello stesso, preciso, momento.
Il numero del turno sul display sembra non cambiare mai e le affettatrici scorrono lente come il diabolico contatore. Ciliegina sulla torta il cliente di turno sta monopolizzando l’intero staff con domande specifiche relative al tipo di pistacchio inserito nella mortadella.
Quando già state per rinunciare una voce maschile dal tono amichevole vi coglie di sorpresa «E tu che numero hai?»
«Scusi?» domandate, colte di sorpresa dal nuovo arrivato .
«Il numero… del turno per gli affettati…» specifica con un sorriso amichevole che per un attimo vi distrae dalla condizione sciagurata in cui vi trovate.
«Ah! Sessantacinque…» dite, desolatamente riportate al presente.
«Io trentuno!» annuncia trionfante facendovi l’occhiolino.
Trentuno? Ma come è possibile ? Se è appena arrivato!
State per partire in quarta con gli accertamenti del caso quando ecco che arriva l’inaspettata proposta.
«Se vuoi te lo cedo volentieri…»
La proposta è alquanto allettante ma siete ancora timorose. Squadrate il tipo strambo per escludere che sia a) un maniaco sessuale con la passione per i polisaccaridi; b) un untore dedito alla diffusione di batteri letali sui bigliettini salta coda; c) un borseggiatore che tenta un diversivo per sfilarvi il portafoglio.
Ma la borsa è stretta sotto al braccio e almeno all’apparenza, il tipo non mostra tracce evidenti di agenti patogeni. Nel frattempo la coda annaspa, anche perché il cliente logorroico ora chiede specifiche sul differente grado di salatura tra Parma e San Daniele e se va avanti così si fa notte…
A questo punto prendete coraggio: «Davvero mi cederebbe il suo bigliettino?»
«Certo …» annuisce con un dolce sorriso stampato sulla faccia e tendendovi il numerino. «Ma diamoci pure del tu…»
Stringete forte il numeretto e, in quel momento, vi accorgete che oltre che gentile il tipo è pure carino.
Scambio veloce di sguardi e rossore sulle guance. La coda finalmente riprende a scorrere.
«Beh, grazie allora…» mormorate timidamente
«Figurati. Quando passo di qui ne prendo sempre un paio da omaggiare alle ragazze carine…» segue strizzatina d’occhio da navigato tombeur de femme e uscita teatrale ad effetto dissolvenza tra le corsie delle acque minerali iposodiche.
Vi rosicchiate un’unghia e osservate il suo profilo farsi lontano, oltre la barriera casse.
E vi sorge un dubbio: non è che la vostra smania di Parmacotto vi ha fatto sfuggire il principe azzurro sotto il naso?
Crucciate per questo triste pensiero vi voltate verso il display dove, però, vi attende un’altra amara sorpresa: il vostro turno è appena passato.
Tentate una timida protesta ma gli altri clienti vi inceneriscono inferociti e i salumieri sono incorruttibili.
Affrante vi dirigete con aria verso l’uscita: potete dire addio alla vostra cena, e anche all’affascinante Cavaliere Numerato.


Consiglio: Il Biscottino della Fortuna del Supermarket dice “Ritenta sarai più fortunata”, alias, Coltivate con determinazione la vostra passione per gli insaccati chissà che alla prossima coda l’affascinante cavaliere salva turno non compaia di nuovo.

(continua tra una settimana...)

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/