martedì 23 dicembre 2014

S... Cene da Supermarket - 2° parte



L’Innamorato Miracolato

Mancano meno di cinquanta minuti alla vostra cenetta romantica.
Disgraziatamente avete carbonizzato l’arrosto e anche il contorno di patate è andato a farsi friggere.
Per questo vi siete catapultate al supermercato, veloci come saette, verso il reparto dei cibi pronti per tentare di recuperare qualche pietanza.
La fortuna vi sorride perché riuscite a trovare una confezione di lasagne precotte e un “Bon Roll” che potrà cuocere indisturbato mentre voi vi agghindate per benino.
Dovete solo sbrigarvi e fare in fretta. Molto in fretta. Il cavaliere di turno è un po’ pignolo sull’orario e farlo aspettare fuori da una casa vuota significherebbe mandare in pezzi mesi e mesi di silenti corteggiamenti. No, non ve lo potete proprio permettere.
Peccato che le casse siano prese d’assalto da clienti e carrelli oversize.
Poi, come uno zampillo d’acqua nel deserto, individuate la cassa veloce: max dieci pezzi.
Conteggio rapido dell’approvvigionamento last minute e sorriso felice: solo nove pezzi , è tutta vostra!
I componenti della cena scorrono ridenti sul nastro automatico e sono già ai confini del separatore di spesa quando tre dita tamburellano nervosamente sulla vostra spalla.
«Mi scu-si- si eh eh…» balbetta il tizio dietro di voi «No-n non è ch-e mi fa pass-passare?» l’implorante richiesta è colorita da una serie di tic nervosi composti da: palpebra strizzata, spostamento del capo a destra e rotazione del collo a sinistra.
Imbarazzate dai devastanti effetti dello stress manifestati da quell’uomo, per non procuragliene altri pazientemente riponete la spesa nel cestino e gli cedete posto.
Con una lentezza paragonabile solo alla velocità del suo eloquio, il tizio depone sul nastro la sua invidiabile spesa: caviale, aragosta, vino d’annata, anacardi, sottofiletto al pepe verde, cioccolata fondente aromatizzata al peperoncino, un mazzo di rose.
Però… che abbia un appuntamento romantico anche lui? Forse il poveretto finalmente incontrerà la sua anima gemella. Che lo amerà con dolcezza nonostante quei tic.
Mentre la vostra mente fantastica su ipotetici happy end, finalmente la transazione si avvia verso il suo costoso epilogo.
«Sono centodieci euro e settanta…» annuncia con aria distratta la cassiera.
Il tipo si tasta convulsamente la giacca e le tasche «Ho-ho dimenti-cat il portafo-fo gli-o…» balbetta malamente. La forte situazione di imbarazzo accresce a dismisura i suoi tic nervosi che colgono la palla al balzo per deturparlo: occhio- testa- collo e viceversa.
No, non si può guardare.
Vi intenerite pensando che senza i pregiati manicaretti le possibilità di conquista del poveretto sono molto vicine ad un numero decimale preceduto dallo zero.
«Guardi pago io per il signore…» e guidate dallo spirito della romantica samaritana, saldate l’esorbitante conto.
Ed ecco che, non appena le vivande prelibate finiscono nel sacchetto il tartagliatore è talmente felice che il suo viso appare disteso e rilassato. Niente più occhio-testa- collo: le contratture muscolari sono sparite! Ora zompetta tutto baldanzoso verso il bar, seguito da una bionda ossigenata che indossa vistosi stivaletti pitonati.
Ordina un calice di Chardonnay e con un sorriso soddisfatto brinda alla vostra salute. E alla sua spesa gratis.
Vi soffia un bacio di ringraziamento e svanisce con Miss Platino avvinghiata al suo braccio.
Consiglio: la prossima volta che la romantica samaritana che alberga in voi si fa viva, sopprimetela con una mazza da golf. O con qualunque altro oggetto contundente adatto all’uopo. Ripetete l’azione con chiunque tenti di passarvi davanti alla cassa.



L’acchiappaverdure

Compare di soppiatto alle vostre spalle mentre siete impegnate a scegliere quel che rimane delle verdure di stagione, a pochi minuti dalla chiusura del supermarket.
Le sue mani, leste e veloci come termiti, arraffano le primizie migliori lasciandovi a bocca asciutta e con il sacchetto tristemente vuoto.
Stessa scena al reparto della frutta dove, con la destrezza di un giocoliere, si porta via i mandaranci più paffuti lasciando alla vostra mercé solo quelli asfittici e pieni di semi.
Poi guarda i vostri sacchetti trasparenti dove annaspano solo due minuscoli mandarini ed una manciata di zucchine mollicce . Alla vostra espressione perplessa risponde con un sorriso malizioso, sventolando le pregiate primizie sotto al naso «Oh scusa..volevi mica queste?»

Consiglio: smorzate il suo sorriso beffardo percuotendolo ripetutamente con un mazzo di carciofi o altra verdura contundente di stagione. E riappropriatevi delle primizie ingiustamente sottratte. Poi correte alla cassa, velocemente. Prima che il security man faccia lo stesso con voi…

Nessun commento:

Posta un commento

Si è verificato un errore nel gadget

Disclaimer

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Pertanto non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001. I testi contenuti in questo blog sono protetti da copyright.
La realizzazione grafica si deve a Maria Teresa Di Mise.
www.mariateresadimise.com
L'editing è curato da Stefania Crepaldi che trovate al sito
http://editorromanzi.it/